L’alienazione della donna tra esibizione e occultamento del corpo: dall’oscenità alla costruzione tecnica

  • Ines Testoni Università degli Studi di Napoli Federico II
Parole chiave: Alienazione femminile, Oscenità, Diritti umani, Autodeterminazione, Gender studies.

Abstract

L’articolo discute della contrapposizione tra la modalità italiana di considerare il corpo della donna, quale mero oggetto di desiderio sessuale, attraverso la sua esibizione e ildenudamento mediatici versus quella musulmana che, invece, lo nasconde sotto khimar,jilbab o burqa. L'analisi fa perno sui diritti umani fondamentali che nel loro percorsostorico, promuovono il primato dell’individuo e della sua autodeterminazione, per arri-vare a considerare i concetti di alienazione e di oscenità e verificare come le due posi-zioni siano in continuità. Si discute, quindi, delle possibili cause che, anche nell’attualesocietà occidentale, potrebbero ripristinare forme di tradizionalismo, a partire dalla stessa volontà delle donne.

Downloads

Download data is not yet available.

##submission.authorBiography##

Ines Testoni, Università degli Studi di Napoli Federico II

Ines Testoni è Professoressa di Psicologia sociale, presso il Dipartimento FISPPA sezione di Psicologia Applicata, direttrice del master Death Studies & the End Of Life e del Corso di Alta Formazione per il Contrasto Sociale alle Mafie all’Università di Padova. Relatrice esperta in un centinaio di congressi e conferenze nazionali e internazionali, è autrice di una sessantina di articoli scientifici e capitoli, di una decina di monografie e curatrice di altrettanti volumi collettanei, è altresì affiliata a numerosi organismi di ricerca di rilevanza internazionale.

Pubblicato
2013-06-06
Come citare
Testoni, I. (2013). L’alienazione della donna tra esibizione e occultamento del corpo: dall’oscenità alla costruzione tecnica. La Camera Blu. Rivista Di Studi Di Genere, (8). https://doi.org/10.6092/1827-9198/1617