Transiti di genere nell’Italia postmoderna

  • Porpora Marcasciano MIT
Parole chiave: Transessualismo, transessualità, transgender, patologia, esperienza umana significativa

Abstract

A quaranta anni dal coming out transessuale, dall’inizio di un transito fisico, culturale e storico cosa è cambiato nell’Italia di oggi? Sicuramente è la visibilità che ha riempito un vuoto storico e che permette di parlare, interpretare, leggere l’esperienza trans, per qualcuno fenomeno, per altri categoria, patologia, incongruenza di genere. Le domande aperte sono tante, su un’esperienza complessa e variegata in contesti socio-culturali altrettanto complessi e variegati. Una risposta è certa, non si può più parlare di transessualismo/transgender al singolare bensì di transessualismi. Diversi, differenti, diversificati secondo le tante possibili varianti che il post moderno ci pone.

Downloads

Download data is not yet available.

Biografia dell'Autore

Porpora Marcasciano, MIT
Presidente del MIT (Movimento Identità Transessuale) e vice presidente dell’ONIG (Osservatorio Nazionale Identità di Genere), sociologa e attivista Trans Queer, direttrice artistica di “Divergenti” Festival internazionale del Cinema Transessuale. Ha pubblicato: Tra le rose e le viole (Manifestolibri) 2002. Antologaia sesso genere e cultura degli anni ‘70, (Il dito e la luna) 2007. Favolose Narranti, (Manifestolibri) 2008. Elementi di critica Trans, (Manifestolibri) 2010 e diversi saggi in opere collettanee. Ha debuttato in teatro con Il sogno e l’utopia, letture immagini visioni degli anni ‘70. E-mail: mit.bo@tin.it
Pubblicato
2013-10-22
Come citare
Marcasciano, P. (2013). Transiti di genere nell’Italia postmoderna. La Camera Blu. Rivista Di Studi Di Genere, (9). https://doi.org/10.6092/1827-9198/1998