Prima le donne e i bambini

  • Cinzia Albanesi Università degli Studi di Napoli Federico II
Parole chiave: Violenza domestica, lavoro riproduttivo, disuguaglianze di genere

Abstract

Il contributo propone una riflessione sugli effetti del Covid-19 sulla situazione delle donne in Italia, prendendo in esame alcuni temi al centro della Convenzione di Istanbul, in particolare la violenza domestica e le misure di protezione, la parità di genere, sia nel contesto delle posizioni di potere (ceiling glass), sia nel contesto del lavoro e della salute riproduttiva. Il contributo evidenzia come già prima della pandemia, nel nostro paese le azioni di contrasto alla violenza e alla disparità di genere fossero largamente insufficienti, e come la pandemia si configuri, in assenza di una sistematica adozione di una prospettiva di genere, come una condizione destinata ad aumentare le diseguaglianze. Il contributo si conclude sottolineando il potenziale emancipatorio e trasformativo per la società intera dell’adozione di una prospettiva intersezionale e di genere, e il ruolo chiave dell’associazionismo femminista e della società civile nel dare indicazioni utili per il postemergenza per ripensare il lavoro di cura e le politiche di convivenza.

Downloads

Download data is not yet available.

Biografia dell'Autore

Cinzia Albanesi, Università degli Studi di Napoli Federico II

Cinzia Albanesi PhD, Professoressa associata in Psicologia di Comunità, Coordinatrice della Laurea Magistrale in Psicologia Scolastica e di Comunità, Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna Presidente ECPA (European Community Psychology Association) e membro del Board di EASLHE (European Association of ServiceLearning in Higher Education) e del CSGE Centro Studi sul Genere e l’Educazione dell’Università di Bologna.

Pubblicato
2020-06-20
Come citare
Albanesi, C. (2020). Prima le donne e i bambini. La Camera Blu. Rivista Di Studi Di Genere, (22). https://doi.org/10.6092/1827-9198/7089